Olio capitale 2013, quando l’extravergine d’oliva è di qualità

olio capitale 2013 6

Spesso, troppo spesso, nelle ricette che prevedono un olio extravergine usato a crudo si legge tra gli ingredienti un generico “olio extravergine d’oliva” senza avere un’indicazione del tipo di olio da usare, la relativa cultivar o la provenienza geografica.

L’Italia è il primo paese al mondo sia per produzione sia per consumo di olio extravergine d’oliva, ma la cultura dell’olio probabilmente non è così diffusa come dovrebbe. Da alcune ricerche, gli italiani sono sempre più attenti a cosa mangiano e anche per quanto riguarda l’olio sono sempre più consapevoli e informati. Ciononostante, non prestiamo attenzione all’enorme varietà di sapori dell’olio e quindi all’abbinamento olio-pietanza. Anche solo usare un tipo di olio diverso per le cotture e a crudo non rientra nelle nostre abitudini!

Proprio per avvicinare quante più persone al nostro “olio verde”, da anni a Trieste si svolge Olio Capitale, la fiera che dall’1 al 4 marzo scorsi ha riempito le sale, affacciate sul mare e in pieno centro città, della Stazione Marittima che da quest’anno sostituisce i padiglioni della Fiera di Trieste, location di tutte le edizioni precedenti.

olio capitale 2013

La risposta del pubblico è stata notevole: quasi 11 mila gli spettatori che nelle quattro giornate hanno incontrato i produttori, gustato e acquistato i loro oli. E l’olio presente alla fiera era solo olio di qualità dato che per ottenere uno stand i produttori devono superare una severa selezione.

Per olio di qualità non intendiamo i produttori più grandi e famosi ma soprattutto quelle piccole e medie aziende dove le persone, spesso delle famiglie intere, dedicano la loro vita alla raccolta delle olive e alla produzione dell’olio. Viste le quantità prodotte, il loro olio solitamente non si trova in vendita nei supermercati e quindi Olio Capitale è un’ottima vetrina per tutti questi piccoli produttori che possono così farsi conoscere fuori dal loro territorio. E ovviamente, è anche e soprattutto una grande opportunità per i visitatori per poter provare, gustare e portare a casa questi oli eccezionali.

Prima di vedere nel dettaglio gli oli, i produttori e gli eventi della fiera, visto anche l’avvicinarsi della festa della donna, vi parliamo dell’associazione nazionale delle Donne dell’Olio, un’associazione presente alla fiera che è a carattere volontario e senza fini di lucro e che “ha la finalità di promuovere la cultura e la conoscenza dell’olivicoltura e dell’olio indirizzando particolarmente gli sforzi per avvicinare il mondo femminile produttore e consumatore, promuovendo l’immagine dell’olio di qualità sia dal punto di vista produttivo che commerciale“. Una bellissima associazione al femminile a cui vanno i nostri complimenti sia per lo spirito con cui portano avanti questa iniziativa sia per lo stand alla fiera, all’insegna del loro motto “EVA & EVO” e della mela rossa (non la solita mela verde delle degustazioni) colta all’alba dei tempi per Adamo.

olio capitale 2013 7

Allo stand abbiamo incontrato Natascia Riggi, agronoma e membro delle Donne dell’Olio, che ci ha raccontato l’entusiasmo che impronta l’Associazione e l’importanza di partecipare ad eventi come Olio capitale. Questi eventi infatti permette di diffondere informazioni sull’Associazione, che sta crescendo sempre più in tutta Italia, e di raccogliere nuove adesioni. Abbiamo chiesto quale fosse l’olio che preferiva, la risposta ci ha affascinato: il bianchera, cultivar intenso e piccante delle zone di Trieste, da abbinare ad un gelato al fiordilatte! Divino!

Altro stand interessante è stato quello di Unasco, l’Associazione Italiana dei Produttori Olivicoli, presente alla fiera non tanto e non solo per presentare gli oli dei suoi associati, ma soprattutto per sensibilizzare produttori e consumatori alla tracciabilità del prodotto. Le etichette degli oli dell’Associazione sono una garanzia per il consumatore, che può risalire al produttore, al raccolto, al frantoio, alla quantità di olive lavorate e avere piena visibilità dell’intera filiera. Le certificazioni promosse dall’Associazione recepiscono le normative europee in fatto di qualità e genuinità dell’olio. Ma il vero salto di qualità che fa la differenza per i piccoli e medi produttori dell’Associazione sta nell’attenzione verso i metodi di produzione dell’olio. Dalla raccolta anticipata alla depurazione non filtrata, questi metodi privilegiano la qualità del prodotto finale, l’intensità del sapore e la sua migliore conservazione, a discapito di produzioni industriali qualitativamente inferiori, meno selezionate e naturali.

olio capitale 2013 3

Tra i tanti produttori presenti (ben 213 nonostante la crisi e l’annata poco favorevole) ce ne sono tre che abbiamo apprezzato particolarmente sia per la qualità dell’olio prodotto sia per l’amore che mettono nel loro lavoro: l’azienda Fanella da Alatri (Frosinone) e due produttori dalla provincia di Messina, l’azienda Milio da Ficarra e Villa Colonna da Reitano.

L’azienda agricola Fanella era rappresentata da Lino, un ragazzo che a 25 anni ha scoperto la passione per l’olio e da allora dedica buona parte del suo tempo all’azienda di famiglia. Con i suoi ulivi a 550mt di altitudine produce dell’ottimo olio e in particolare un Leccino che risulta essere sorprendentemente piccante. Solo alcuni ulivi, grazie al terreno su cui poggiano e alla loro esposizione, riescono a dare olive dalle quali si riesce ad ottenere questo olio sorprendente. La produzione, ottenuta da frutti raccolti a mano e franti entro 12 ore dalla raccolta, è limitata e le sue bottiglie vanno a ruba! E infatti a Olio Capitale Lino è venuto non tanto per vendere i suoi prodotti (oltre al Leccino produce un buonissimo Moraiolo) ma per far conoscere il suo olio e la sua terra, la Ciociaria.

olio capitale 2013 8

Spostiamoci più a sud e andiamo in Sicilia dove troviamo due aziende che condividevano stand e grande passione per l’olio. L’azienda Milio di Ficarra (ME) si distingue da tutti gli altri produttori siciliani grazie al loro Minuta, un olio sorprendentemente leggero e gustoso capace, con poche gocce, di esaltare il gusto dei piatti dal sapore delicato in particolare di quelli a base di pesce. Anche qui una scelta di qualità, per valorizzare il prodotto a discapito della resa quantitativa. Il tutto nasce da un’oliva particolare, molto più piccola rispetto alle classiche olive. Più corposo e con aromi molto intriganti è l’altro olio prodotto da Milio, il Verdello.

Andiamo qualche km più ad ovest e troviamo l’azienda agricola Villa Colonna con i suoi due oli biologici, un blend composto principalmente da Santagatese, un cultivar tipico della zona ed un monocultivar con sola Santagatese. Corpo, odori e sapori di questi oli offrono sensazioni che rimandano alla buona cucina siciliana. Per la loro intensità, si abbinano benissimo con piatti a base di carne o zuppe di legumi. La Sicilia si conferma quindi una terra che oltre ad avere una grande cucina offre degli oli eccezionali: un motivo in più per visitare questa bellissima isola.

olio capitale 2013 5

Ma Olio Capitale non era solo stand e incontri produttori-visitatori. Tante infatti gli eventi collaterali tra i quali incontri per spiegare cos’è l’olio extravergine di oliva e come nasce – ammirevole il progetto “pianta il tuo olivo, crescerà con te” dedicato agli under 12 -, corsi per imparare l’arte dell’assaggio dell’olio e una ricchissima scuola di cucina guidata anche quest’anno da due maestri della cucina: Emilio Cuk e Germano Pontoni.

olio capitale 2013 2

Tra i tanti che si sono alternati tra i fornelli di Olio Capitale ricordiamo Kathrin Ilie e Stefano Amorosi di Zoe Food, l’ormai celebre ristorante vegano di Trieste. E poi ancora il giovanissimo Roberto Ubaldini del ristorante Ego, la maitre chocolatier Antonella Varotto ed i pasticceri Valentina Graniero e Alessandro Giudici, il giovane ma già celebre pasticcere che porta i sapori e la tradizione di Trieste alla Prova del Cuoco. Oltre a loro tanti altri bravissimi cuochi hanno preparato e offerto al pubblico delle vere delizie passando dai classici della tradizione a ricette nuove o rivisitate. Per soddisfare un calendario così fitto di eventi è servito il lavoro di ben 3400 persone.

olio capitale 2013 1

Bellissime giornate di sole, un panorama spettacolare e tanti oli di qualità: questa è stata la settima edizione di Olio Capitale, la fiera dedicata all’olio extravergine d’oliva.

olio capitale 2013 4

Messo il tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 thoughts on “Olio capitale 2013, quando l’extravergine d’oliva è di qualità

  1. Laura marzo 10, 2013 alle 6:43 pm Reply

    Olio Capitale è sempre una splendida esperienza.

  2. alessandro giudici marzo 12, 2013 alle 9:06 pm Reply

    Ringrazio tutti per la bellissima esperienza e spero di esserci anche il prossimo anno!!! grazieee….vi aspetto con le novità dell olio evo in pasticceria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: