Vacanze romane.. part 2

Approfittando del ponte del primo novembre siamo tornati a Roma e abbiamo girato la città vedendo quelle che abbiamo deciso essere delle tappe obbligatorie: il mercatino di San Teodoro, quello di Campo de’ Fiori, i negozi Castroni, Eataly e altri bellissimi negozi di alimenti e di articoli e attrezzi per la cucina.

Eataly è stata la novità principale e finalmente abbiamo potuto girare, curiosare ed acquistare i prodotti di quello che non sappiamo se definire centro commerciale, fiera permanente del cibo made in Italy, paradiso del cibo. Molti i turisti che curiosano e moltissimi i romani che passano di lì per fare la spesa.

Sarà la novità, sarà che vicino a casa nostra non esiste nulla di simile e abbiamo trovato prodotti che altrimenti dobbiamo ordinare online, sarà per le idee culinarie e di presentazione che offre, fatto sta che a noi Eataly è piaciuto molto. Innanzitutto, è comodo da raggiungere per chi (noi! noi!) gira Roma con i mezzi pubblici, subito fuori dalla metro di Piramide e dalla stazione di Ostiense. In secondo luogo, ha spazi molto ampi, organizzati a temi e con prodotti davvero vari e invitanti. Abbiamo apprezzato la presenza di prodotti con marchio fairtrade a costo di sforare dal made in Italy (che non è affatto esclusivo, e infatti la birreria di Baladin è circondata da scaffali di birre belghe ed internazionali). Felici ci siamo uniti alla massa all’annuncio della degustazione di mozzarella di bufala fresca nella latteria dentro Eataly, mozzarella che viene preparata ogni giorno sotto gli occhi dei passanti.

Come si entra si è attirati dal bancone di Venchi, che propone dolci, gelati e spina cioccolato spalmabile. Passando tra cioccolatini, praline e tubetti di crema spalmabile pret-a-porter, si trovano biscottini, caramelle e poi articoli per la cucina, frutta e verdura fresca. Nei piani superiori: farina, pasta, olio, birra, carne, pesce, latticini, vino e caffè. E infine ristoranti, bar e perfino un pianoforte a disposizione dei virtuosi tra il pubblico. Da assaggiare: il panino con ricotta di bufala, cioccolata spalmabile e crema piccante al peperoncino mangiata al ristorante Ino il Panino, per una merenda energetica e sfiziosa🙂

Altra tappa immancabile nel tour culinario capitolino è il mercato di Campo dei Fiori che ci accoglie sempre coi suoi colori ed il suo chiasso, con i prodotti di stagione sempre ben disposti per i clienti e per il pubblico, soprattutto quello dotato di macchina fotografica che in questo mercatino non manca mai. Un altro posto che è diventato un must nelle nostre visite romane è il negozio Castroni di Cola di Rienzo (il migliore della catena per Marco quanto a varietà dei prodotti): qui si è subito immersi nel profumo del caffè macinato sul momento ed è facile perdere ore tra gli scaffali colmi di the, salse, spezie, cibi e preparazioni nazionali e internazionali.

Chiaramente siamo tornati a San Teodoro, questo fantastico mercato conosciuto grazie a Sigrid del Cavoletto di Bruxelles e che nei weekend propone i prodotti delle campagne intorno a Roma, del viterbese, della sabina, del reatino e del frusinate: girando tra le varie bancarelle è impossibile non assaggiare un po’ di ognuna delle loro proposte sia per la bontà dei prodotti sia per la simpatia e la genuinità di chi sta dietro ai banconi.

E poi ci siamo ritrovati come bambini in un negozio di caramelle a girare negozi di articoli da cucina come c.u.c.i.n.a., spazio sette, gusto e kitchen, a rifarci occhi e naso da Ladurée (raffinata pasticceria francese con meravigliose torrette di macarons) e Selli (un fornitissimo negozietto di alimenti internazionali).

Anche per le pause tra un mercatino ed un negozio gourmet ci siamo coccolati con una puntata al Pizzarium di Bonci, alle pasticcerie casarecce del ghetto, al “cornettaro” di via Barletta e con una birra da Open Baladin.

Insomma, per una (altra) volta il Colosseo e tutti i suoi antichi fratelli romani hanno lasciato il posto a negozi e mercati incantevoli per chi come noi ama la cucina e soprattutto la buona cucina😉

Messo il tag:, , , ,

6 thoughts on “Vacanze romane.. part 2

  1. Lessio novembre 6, 2012 alle 12:19 am Reply

    belle foto!

  2. Valda novembre 25, 2012 alle 2:02 pm Reply

    Un bellissimo viaggio, all’insegna eno-gastronomica…belli quei peperoncini, mi sembrano coralli!🙂

    • habemuspappam novembre 25, 2012 alle 9:57 pm Reply

      Sì davvero! E’ stupefacente l’attenzione con cui sono disposte verdure, spezie e piante aromatiche in queste bancarelle, davvero coreografiche, dimostrano amore per il proprio lavoro!

  3. Laura novembre 25, 2012 alle 4:34 pm Reply

    Roma è davvero affascinante, anche a livello culianario.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: